Collana Tesi

Amnesìa

Il Mediterraneo di Taranto

Vincenzo Moschetti,

didapress

italiano

24x27 cm

64 pagine/pages

ISBN 978-88-9608-070-2


© 2016

Abstract
Autore
 

Vincenzo Moschetti  

Vincenzo Moschetti, Taranto, 1991, architetto. Si forma presso la Scuola di Archi- tettura dell’Università degli Studi di Firenze laureandosi nel 2015 con Michelange- lo Pivetta. Dal 2013 collabora presso il Laboratorio di Progettazione dell’Architettu- ra II presso la stessa Scuola. Dal 2015 è dottorando in Progettazione Architettonica e Urbana, XXXI ciclo, DIDA, Università degli Studi di Firenze.

Seguendo la visione di Jacques-Yves Cousteau il quale dichiarava “dopo l’istante magico in cui i miei occhi si sono aperti nel mare, non mi è stato più possibile vede- re, pensare, vivere come prima”, persevera nell’indagine del rapporto tra Architet- tura e Mare alla ricerca di quella forte idea mediterranea e di quei valori ancora vali- di per la composizione di un progetto contemporaneo dove l’abitare riveste un ruolo essenziale.


Ogni anno, d’estate, le città del Mediterraneo si riversano nel mare. 

Ogni estate, la città di Taranto, stagione dopo stagione, ritrova la sua memoria. La  storia parte da secoli lontani, fa parte di una coscienza molto profonda ormai assorbita  dall’intera  città, una  coscienza che col tempo  è quasi svanita.

Potrebbe tradursi così la vicenda contemporanea di questo luogo, una città mediterranea che soffre di amnesìa.

L’indagine su cui la pubblicazione si costruisce passo passo è quella della ricerca — a tratti affannosa — dell’identità perduta del luogo della restituzione attraverso l’architettura di una dignità, di un (ri)scoperta che sappia guardare oltre il dramma. L’Architettura diventa quindi, attraverso questo lavoro, il mezzo di narrazione di un oblio, prima che la distruzione totale di questo angolo di mondo si realizzi. Ancor prima della stesura dei tre progetti proposti, un museo del mare, un mercato del pesce e una scuola velica, avviene la lettura di questo mondo — strato per strato come fece George Gissing — ‘fotografando’ luoghi, disegnando spazi, intervistando coloro che ne fanno parte: gente dimenticata. Di queste tracce, più di ogni altra cosa — parallelamente all’Architettura —, sono protagonisti i bambini e i pescatori, coloro che giorno per giorno, crescendo tra questi vicoli, insegnano come “Taranto non sia solo ILVA”. Ed effettivamente è stato questo il vero punto di partenza, guardare oltre il dramma — riconoscendolo —, tracciare una possibile via di fuga per questo pezzo di mare. L’esigenza, architettonica e umana quindi, si traduce nella creazione di luoghi e progetti atti a ricostruire la città, come a seguito di un terribile terremoto o di una feroce guerra, affinché torni a vedere, affinché la città ricordi non solo per un’altra estate.

Nella stessa serie

Giulio Petri
Filippo Neri

SHANGHAI - SHIKUMEN Dong Siwenli

2019

Irene Lisi

La visione dell'antico fra conoscenza e progetto

2019

Sara Stefanini

La Chiesa di San Francisco a Santiago del Cile

2018

Nico Fedi
Paolo Oliveri

Antichi limiti per nuovi spazi

2018

Lisa Culicchi
Selene M. Pirrello

L'ex Fabbrica Banci nel nuovo sistema della 'Declassata'

2018

Davide Neroni

Sustainable Birth Village in Africa for Mother and Child

2018

Daniela Ciampoli
Marco Marseglia

Attorno al Mediterraneo

2018

Riccardo Battel

Le opere di Toni Benetton tra Terra e Cielo

2018

Robert Kane

A Landscape of Contradiction

2018

Olivia Gori

Metropolitan Park of the piana fiorentina

2018

Marco Nicola Di Domenico

Prato, città laboratorio

2018

Edoardo Cresci

Apua Mater

2018

Giulia Fornai

Ad Limina Sancti Petri

2017

Junik Balisha

Autism friendly design

2017

Vieri Cardinali

Il Teatro dell'Accademia dei Rassicurati di Montecarlo

2017

Margherita Vicario

Conservazione e sostenibilità degli edifici storici

2017

Eleonora D’Ascenzi

Management of scenography

2017

Elisa Monaci
Luisa Palermo

Memorie Retiche

2017

Davide Lucia

Utopie Ipogee

2017

Vincenzo Moschetti

Amnesìa

2016

Ilaria Mannucci

Città intermedie e strategie di riqualificazione urbana

Andrea Califano

Sic itur ad castrum veterum

Gianluca Chiostri

Orienta

Michela Sugamusto

La scuola nel XXI secolo

Greta Bologna

Integrated Susteinability

Matteo Bigongiari

La cattedrale di Sasamòn

Francesco Lucchesi

Altrove

Eugenia Cecchetti

Il cielo a volta

Cecilia Marcheschi

Entroterra

Lisa Da Rold

Tessuto è Prato

Diego Betti

Tra Mies e Scharoun

Virginia Vivona

Tra Mies e Scharoun