Il Simposio UID di internazionalizzazione della ricerca
Patrimoni culturali, Architettura, Paesaggio e Design tra ricerca e sperimentazione didattica
a cura di
stefano bertocci | antonio conte
Il secondo Simposio UID per l’internazionalizzazione della ricerca, ha favorito una discussione strutturata per aree geografiche e azioni di sviluppo, al fine di approfondire le specificità e potenzialità dei contesti culturali e amministrativi di interesse per la nostra Comunità scientifica. Obiettivo del Simposio è costruire relazioni tra docenti e ricercatori, attraverso attività diverse ma con carattere di internazionalizzazione, per condividere linee progettuali circa lo sviluppo di azioni future della Comunità Disegno in Europa e nel mondo. Si mira ad esplorare opportunità e canali per la promozione e il rafforzamento delle attività internazionali sul fronte della ricerca, della didattica e della formazione specialistica dottorale, per il consolidamento di nuove reti di collaborazione nazionale sulla ricerca e sull’industrializzazione, come i Cluster tecnologici e tematici nazionali ed europei.
 Stefano Bertocci, professore ordinario di Disegno.  Docente di Rilievo dell’Architettura nei corsi di Architettura e docente di Disegno nel corso di Design del Dipartimento di Architettura dell’Università di Firenze, si occupa di numerose ricerche relative alle opportunità offerte dal rilievo digitale nel campo dell’archeologia, dell’architettura e dell’urbanistica. E’ autore di numerose pubblicazioni scientifiche sulle problematiche del recupero e della riqualificazione dei centri storici e dei siti patrimonio UNESCO a livello nazionale ed internazionale. E’ responsabile di numerosi accordi di cooperazione scientifica dell’Università di Firenze e svolge attività di ricerca in numerosi paesi. Si segnalano le ricerche sull’architettura in legno in Russia e nel Nord Europa, le campagne di rilevamento di vari siti archeologici in Medio Oriente e gli studi recenti sui centri storici come il quartiere di Slah al Din a Gerusalemme Est e la Rua S. Joao di San Paolo in Brasile.

Antonio Conte, è Professore Ordinario di Disegno e Rilievo dell’Architettura, fondatore della Facoltà di Architettura di Matera, coordinatore dei Dottorati Internazionali in “Architecture and Urban Phenomenology” e in “Cities and Landscapes: Architecture, Archaeology, Cultural Heritage, History and Resources”. È responsabile scientifico del “Laboratorio di ricerca e Creatività/Cantiere Scuola” nei Sassi di Matera. È Coordinatore del Master Universitario di II livello “Patrimoni & Progetto” (prima edizione “ELARCH internazionale”). È relatore di numerose tesi di Laurea e di Dottorato in Architettura presso il Dipartimento delle Culture Europee e del Mediterraneo dell’Università degli Studi della Basilicata a Matera, che affrontano temi di Eredità del Patrimonio in Italia e all’Estero. Svolge attività di ricerca scientifica, in qualità di responsabile e coordinatore, in progetti di ricerca d’interesse internazionale. Ha esposto disegni di progetto alla Triennale di Architettura di Milano e alla Biennale di Architettura di Venezia. Ha pubblicato saggi sulla Rappresentazione e sul Disegno trai quali “Pensare e Costruire”, “Il disegno degli Ordini”, “Comunità Disegno”, “La città scavata”. 
Back to Top