Il "nuovo miglior ordine" per il Sacro Monte di Varallo Sesia
Architettura, costruzione e amministrazione, 1560-1584 
lorenzo fecchio
Gli anni che vanno dal 1560 al 1584 costituiscono una fase decisiva per il Sacro Monte di Varallo Sesia, uno dei principali luoghi di devozione dell’Italia settentrionale, fondato nel 1491 dal frate minore osservante Bernardino Caimi per riprodurre nell’Occidente cristiano i più importanti monumenti di Terra Santa. Questo libro ripercorre la vicenda costruttiva e amministrativa del Sacro Monte tra il 1560 e il 1584, anni cruciali per il successo del monumento valsesiano, in cui si fondano le basi per un modello replicato nell’arco prealpino nei due secoli successivi. Il Sacro Monte di Varallo è una realtà dinamica e complessa, teatro di continui scontri amministrativi e intensa attività edilizia. In questo scenario spicca la figura di Giacomo d’Adda, che, per oltre un ventennio, riesce a dare forma alle sue ambizioni economiche e politiche in Valsesia attraverso il mecenatismo artistico e architettonico sul Sacro Monte. 
Lorenzo Fecchio è un dottorando in “Architettura, Storia e Progetto” presso il Politecnico di Torino. Nel 2016 si è laureato in Architettura presso l’Università degli Studi di Firenze con una tesi sul cantiere del Sacro Monte di Varallo Sesia nella seconda metà del XVI secolo (relatore: Mario Bevilacqua; correlatori: Francesco Repishti e Aurora Scotti). Dal 2014 svolge attività di ricerca nell’ambito della storia dell’architettura, con particolare interesse per il disegno architettonico e le relazioni tra committenti e architetti tra XVI e XVII secolo.

Lorenzo Fecchio is a PhD candidate in “Architecture, History and Project” at the Turin Polytechnic. In 2016 she graduated in Architecture at the University of Florence with a thesis on the worksite of the Sacro Monte of Varallo Sesia during the second half of the 16th century (supervisor: Mario Bevilacqua; co-supervisors: Francesco Repishti and Aurora Scotti). From 2014 he carries out research on history of architecture, with a special focus on architectural design and the relationships between commissioners and architects between the 16th and 17th centuries.
Back to Top